[Aggiornamento] Bagno a Ripoli. Ex fornace Brunelleschi: terminati lavori bonifica

toscana_bagno_a_ripoli_ex_fornace_brunelleschi_aminato

I primi interventi di allestimento del cantiere per la bonifica dell’ex fornace Brunelleschi, a Capannuccia, sono partiti ieri, giovedì 22 settembre 2016. Il grosso si avvierà nella prima settimana di ottobre, dopo l’ok del piano di lavoro da parte della Asl.

È l’atto finale del percorso avviato già dal 2012 con un primo intervento attivato dal Comune di Bagno a Ripoli a seguito dell’inadempienza della proprietà dell’area a un’ordinanza di bonifica parziale dell’area successiva a un crollo a, cui, nel dicembre 2015, seguì, dopo una serie di solleciti e intimazioni effettuati alla proprietà dall’amministrazione comunale, il deposito della verifica sullo stato di conservazione delle coperture presenti nel sito della ex fornace Brunelleschi di Capannuccia di proprietà della Tognozzi Building Srl, valutazione poi trasmessa all’Azienda USL Toscana Centro che confermò la necessità di intervenire.

Con la mancata presentazione del Piano di Lavoro, il Comune si prese in carico diretto la procedura: il sindaco il 4 luglio 2016, nella sua qualità di Autorità Sanitaria territorialmente competente, emise un’ordinanza intimando al liquidatore giudiziale e alla proprietà Tognozzi Building Spa di attivare le procedure urgenti di avvio della rimozione e dello smaltimento delle coperture e di tutti i manufatti in cemento amianto presenti nell’area della ex Fornace Brunelleschi.

Contemporaneamente l’amministrazione comunale attivò la procedura in danno pubblicando un avviso d’interesse per la selezione di operatori da invitare alla gara per l’affidamento dell’intervento, chiusasi con l’individuazione dell’impresa Ecoteti srl, di Grosseto.

Ufficio Stampa Comune di Bagno a Ripoli

.^.

AGGIORNAMENTO DEL 1 DICEMBRE 2016

L’impresa responsabile di smantellare le ultime lastre di amianto, presenti sulle coperture dell’ex fornace Brunelleschi, ha completato il lavoro rimuovendo circa 10mila metri quadrati di amianto per un costo di 150mila euro, che il Comune tenterà di farsi rimborsare dalla proprietà dell’area mediante il curatore fallimentare. I capannoni che hanno ancora una copertura sono quelli ove c’è il fibrocemento ecologico. Attualmente le analisi dell’aria sul cantiere, da parte dell’Asl, non presentano allarme. La bonifica dell’ex fornace è conclusa. Cosa accadrà adesso dell’intera aerea bonificata ?

Shortlink:

CONDIVIDI NEI SOCIAL NET

Bookmark and Share
Posted by on 23 settembre 2016. Filed under AMBIENTE, ARCHIVIO. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

You must be logged in to post a comment Login