Al Santo Stefano di Prato attivo il Day Service per il tromboembolismo venoso

Attivo all’ospedale Santo Stefano il servizio di day service per tromboembolismo venoso, dedicato a pazienti con patologie trombotiche degli arti inferiori. Si tratta di un percorso assistenziale personalizzato che consente di ottimizzare i tempi di diagnosi e di trattamento, per pazienti affetti da questa patologia in condizioni cliniche stabili.

Il day service garantisce continuità nella gestione assistenziale e risponde ai bisogni di salute individuali. Viene attivato dal proprio medico di medicina generale ed offre una serie di prestazioni, accertamenti e controlli specialistici, evitando al cittadino la prenotazione dei singoli esami.

E’ un gruppo multidisciplinare, costituito da angiologi esperti in ecografia vascolare, specialisti internisti e geriatri delle strutture di cardiologia, medicina interna 2 e geriatria del Santo Stefano che prende in cura il paziente per un inquadramento complessivo e per la gestione assistenziale in tempi brevi. Responsabile del percorso è il dottor Filippo Risaliti della struttura medicina interna 2.

“Si tratta di un percorso in stretta collaborazione ed integrazione tra medici specialisti ospedalieri e medici di medicina generale, sottolinea Massimo Di Natale, direttore di medicina interna 2 del Santo Stefano, che evita al paziente l’accesso al Pronto Soccorso ed il ricovero ospedaliero.”

L’obiettivo, infatti è quello di migliorare la qualità del servizio, razionalizzare le risorse e ridurre i tempi di attesa.

“ Le parole chiave che caratterizzano il day service sono efficacia ed efficienza, chiosa Giancarlo Landini, direttore del dipartimento specialistiche mediche dell’AUSL Toscana centro. Questo modello organizzativo, già in atto in altri presidi ospedalieri dell’Azienda USL Toscana centro, semplifica al paziente l’accesso ai servizi e grazie alla messa in rete di competenze specialistiche il paziente è assistito in modo appropriato.”

Asl Toscana Centro – Prato

Lascia un commento