Firenze, Arte della Seta

Inizialmente fu conosciuta come Corporazione dei Baldrigai, ossia dei ritagliatori di panni, costituitasi agli inizi del Duecento ed i cui membri si riunivano in una bottega presa in affitto in Via Por Santa Maria; nel 1336, l’Arte decise di acquistare una casa dove stabilire una sede fissa per le riunioni e nel 1377 venne ordinata LEGGI ARTICOLO

Firenze – Torre dei Lanfredini

La Torre dei Lanfredini si appoggiava a un palazzetto lungo via de’ Geppi. Questa stretta strada era un “chiasso” privato su cui si affacciavano le case della consorteria, collegate tra loro da cavalcavia, di solito in legno e mobili. Nello stesso isolato, verso l’Arno fino all’odierna piazza degli Scarlatti, si estendevano alcuni servizi comuni della LEGGI ARTICOLO

Firenze – Torre dei Gianfigliazzi

Più che di torre si potrebbe parlare di torrione o quasi di “palagio” per la pianta spaziosa di questa struttura. Essa fu costruita per la famiglia guelfa dei Ruggerini e venne quasi totalmente abbattuto dopo la cacciata dei guelfi del 1260 (dopo la Battaglia di Montaperti). Venne ricostruita e in seguito passò ai Fastelli e, LEGGI ARTICOLO

Firenze – Torre degli Amidei

La torre risale all’alto medioevo e si trovava un tempo vicina alla porta cittadina di santa Maria dell’”antica cerchia” delle mura di Firenze, meglio conosciuta come Por Santa Maria, che dà anche il nome alla via. La torre venne scapitozzata con molte altre nel Duecento, cioè venne abbassata di alcuni piani per un Regolamento Edilizio LEGGI ARTICOLO

Castelli e Torri, cosa sono le Buche pontaie?

Le buche pontaie, come dice il nome stesso, venivano usate per conficcare i pali dei “ponti” (cioè delle impalcature) usati per completare le costruzioni particolarmente alte. Per realizzarle bastava semplicemente sostituire ad alcune pietre le estremità di travi in legno, che finivano così murate nell’insieme e solo in un secondo momento venivano tolte, lasciando aperta LEGGI ARTICOLO

Firenze, Cappella Sassetti

La cappella, con l’arco a sesto acuto e le volte a crociera, è in stile tipicamente gotico, come tutta la chiesa di Santa Trinita, ma le aggiunte rinascimentali si fusero bene con la struttura più antica. Alle due pareti laterali, sopra uno zoccolo all’altezza dell’altare, si trovano i sarcofagi in pietra di paragone di Francesco LEGGI ARTICOLO