Lo Spedale degli Innocenti fu il primo brefotrofio specializzato d’Europa e una delle prime architetture rinascimentali al mondo, forse la prima in assoluto, su progetto iniziale di Filippo Brunelleschi. Lo Spedale era finanziato all’Arte della Seta, tramite il versamento obbligatorio di un contributo da parte dei suoi iscritti. Per laContinua a leggere ->

La Tavola Doria, celebre dipinto a olio su tavola che misura 86X110 centimetri raffigurante la Lotta per lo stendardo, ovvero la scena centrale della Battaglia di Anghiari, il 29 giugno del 1440, ove l’esercito visconteo si scontrò con la coalizione formata dalle truppe fiorentine, pontificie e veneziane.Continua a leggere ->

La mostra è il frutto di due anni di intenso lavoro da parte di un comitato internazionale che ha selezionato le opere in catalogo, producendo saggi scientifici e storici che mettono in risalto il ruolo di Firenze negli scambi interreligiosi e interculturali, tra il Quattrocento e il primo Novecento. LaContinua a leggere ->

San Gimignano sorge su un luogo abitato sicuramente dagli etruschi, almeno dal III secolo a.C. Il colle era stato scelto per questioni strategiche, essendo dominante (324 m s.l.m.) sull’alta Val d’Elsa. Sulle pendici del Poggio del Comune (624 m s.l.m.) sono presenti i ruderi di Castelvecchio, un villaggio di epocaContinua a leggere ->

Quanti sono coloro che, andando alle Cascine a Firenze, si sono soffermati nel chiedersi il perché di alcuni monumenti ? Per chi proviene dal centro il primo monumento che trova è la ‘Fontana del Narciso’ , realizzata nel 1791 dall’architetto fiorentino Giuseppe Manetti. Poi troviamo la ‘Fontana Regina Vittoria diContinua a leggere ->

La più celebre “trappola per il sole” a Firenze è quella ideata per il Duomo dal matematico Paolo Dal Pozzo Toscanelli, nel 1475, detto il “novello Tolomeo”. Si tratta dello gnomone della Cattedrale, progettato per misurare la posizione del sole nel cielo e con i suoi 90 metri di altezzaContinua a leggere ->

Un’epigrafe moderna sul masso ricorda una citazione di Leonardo da Vinci, che riporta la sua opinione sulla tradizione lacustre dei luoghi: “La Gonfolina, Sasso per antico unito co’ Monte Albano in forma d’altissimo argine il quale tenea ingorgato tal fiume in modo che prima che versassi nel mare era dopoContinua a leggere ->

Pagina 2 di 1312345...10...Last »