CAVALIERI TEMPLARI a cavallo? No, in auto di lusso

CAVALIERI TEMPLARI a cavallo? No, in auto di lusso

La voglia ed il vezzo di compagini tra le più disparate, che mettendosi tra il cattolicesimo e “il fai-da-te” vorrebbero riconosciuti sul “campo” l’ormai storica memoria di quel che furono i Milites Templi ovvero i Poveri commilitoni di Cristo od anche, per semplificare, i Templari; essi erano veri frati, uomini che emettevano i tre voti religiosi. Oggi invece tante compagini eterogenee raccolgono uomini sposati, conviventi, signorine e signore, e chi più ne ha più ne metta. Ma non sono, ne potranno mai, qual ora ne avessero ‘desio’, ottenere alcuna logica e conseguente riconosciuta immagine nel nome da “pedegree” di Templare. Questi vorrebbero, alla faccia della storia, “essere riconosciuti quale Ordine” dimenticando il Codice di Diritto Canonico, quello del Magistero petrino e quanto altro; tuttal’più ed anzi possono, registrarsi quale associazione culturale di tempo libero.

Ricordiamo a tali pseudo-ingenui che non possono ricevere il sacramento della Santa comunione, in tal caso incorrerebbero in un cosciente peccato mortale!

Qualcuno riderà di questo, ma chi è un fedele della Santa Chiesa cattolica ci crede ancora.

 

Lascia un commento