[Firenze] Cascine, verso un patto per la movida

Siglare un “patto” per garantire la miglior movida estiva possibile al parco delle Cascine: è in quest’ottica che va letto il primo incontro – avvenuto questa mattina al Fosso Bandito – tra l’ufficio del sindaco e i gestori delle due principali strutture ricreative della zona, il Fosso Bandito e il Tamburello. In vista dell’inizio della stagione estiva, anche tenendo conto degli eventi musicali che si terranno al Visarno presentati ieri da Palazzo Vecchio, l’incontro è servito per fare il punto sui temi più delicati della gestione estiva del parco e programmare una serie di soluzioni tra i gestori. Il Comune, dal canto suo, si è impegnato a supportare le strutture che operano nell’area delle Cascine con un apporto concreto.

Tra le questioni emerse nella prima riunione del tavolo, quella dei parcheggiatori abusivi che ogni estate prendono possesso delle aree di sosta prospicienti le Cascine e pretendono dagli automobilisti il pagamento di un obolo per il controllo degli spazi. In particolare, il tavolo ha sollecitato la fruizione del parcheggio di piazza Vittorio Veneto per evitare di congestionare l’area iniziale delle Cascine.

In quanto alla pulizia del parco, legata anche al discorso della sicurezza, i gestori del Fosso Bandito e del Tamburello hanno raggiunto un accordo per garantire che nella zona non circolino bottiglie di vetro e che i flussi di persone nella zona generino il minor quantitativo possibile di spazzatura. Intese sono state individuate anche sul tema delle proposte musicali, con particolare riferimento a date e orari. “L’apporto del Comune – spiegano i responsabili delle strutture – è fondamentale: sapere di avere l’amministrazione cittadina dalla nostra parte, in questa comune scommessa per rendere le Cascine sempre più vivibili, rappresenta per noi la svolta”.

Marco Gemelli

Shortlink:

CONDIVIDI NEI SOCIAL NET

Bookmark and Share
Posted by on 14 aprile 2017. Filed under ARCHIVIO, ATTUALITA'. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

You must be logged in to post a comment Login