Firenze, Chiesa di Orsanmichele

Sul luogo, in via de’ Calzaiuoli a metà strada tra il duomo di Santa Maria del Fiore e Palazzo Vecchio esisteva un monastero femminile con vasti terreni ad orto, nel quale un primitivo oratorio fu sostituito intorno alla metà dell’VIII secolo dalla piccola chiesa dedicata a San Michele Arcangelo, chiamata San Michele in Orto, da cui derivò il nome di “Orsanmichele”. La chiesa fu demolita intorno al 1240 per far posto ad una loggia destinata a mercato delle granaglie. Una prima loggia venne eretta ad opera probabilmente di Arnolfo di Cambio nel 1290. Su uno dei pilastri si trovava un dipinto, forse ad affresco, di una Madonna del Popolo, ritenuta miracolosa e oggetto di grande devozione popolare. Del culto e della gestione delle donazioni e elargizioni ex voto si occupava la compagnia dei Laudesi. La loggia fu gravemente danneggiata da un incendio il 10 luglio 1304; ricostruita tra il 1337 e il 1350 da Simone Talenti, Neri di Fioravante e Benci di Cione, ebbe la forma attuale, di maggiori dimensioni e a pianta rettangolare.

L’edificio era sede della potente confraternita della Madonna di San Michele in Orto, o compagnia dei Laudesi. Nel 1569 il granduca Cosimo I insediò ai piani superiori, che mai erano stati usati per lo stoccaggio delle granaglie per i quali erano stati costruiti, l’Archivio Notarile, affidando l’adattamento dei saloni al Buontalenti. In quell’occasione l’architetto granducale fece anche il pontile ad arco che congiunge il primo piano dell’edificio con la scalinata nel palazzo dell’Arte della Lana, essendo il passaggio nel pilone troppo esiguo.

Tra Sette e Ottocento le statue di marmo vennero annerite da una patinatura scura che le voleva far assomigliare al bronzo, per renderle tutte omogenee. A questo processo non venne sottoposta la Madonna della Rosa, che dal 1628 si trovava nell’interno della chiesa. Oggi è sede ecclesiastica dell’Arciconfraternita di Parte Guelfa che vi compie le proprie celebrazioni liturgiche solenni.

FONTE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.