[Firenze] Disastro Torrigiani: la procura archivia

[Firenze] Disastro Torrigiani: la procura archivia

Prevedibile ma adesso è anche ufficiale. Troppo complicato districare la matassa per il crollo del lungarno Torrigiani del 25 maggio a Firenze. Quindi si archivia per l’impossibilità di arrivare a trovare i colpevoli. Una notizia che non piacerà sicuramente ai fiorentini. Anche perché, al di là dell’accertamento delle responsabilità, la procura ha certificato lo stato drammatico in cui versa l’acquedotto fiorentino, vecchio e pieno di crepe, che perde quasi il 40% dell’acqua.

Il problema è che anche se fossero accertate le responsabilità dell’azienda idrica, questa sarebbe impossibilitata a intervenire perché i costi del rifacimento e della modernizzazione potrebbero essere coperti solo con aumenti vertiginosi delle bollette. Ma il vero dramma è che eventi come quelli della scorsa primavera potrebbero ripetersi con conseguenze molto peggiori.

Adesso però urge un chiarimento.

Il sindaco ha dichiarato all’indomani del crollo che non un euro sarebbe finito in bolletta e che Publiacqua era colpevole del danno. L’azienda idrica, in risposta, aveva ipotizzato uno smottamento della collina sovrastante il lungarno (ipotesi poi smentita dalla procura). Uno scaricabarile che adesso trova la sua quadratura nell’archiviazione.

Troppi colpevoli, nessun colpevole.

E alla fine i soldi della riparazione chi li ha tirati fuori?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.