[Firenze] Il gioco delle pallottole

Il gioco delle pallottole era una specie di gioco delle bocce che in questa piazza era permesso disputare, a differenza di altre zone dove esplicite targhe degli Otto di Balia vietavano nei pressi di istituti religiosi tale gioco (una si trova ancora, per esempio, sul fianco della badia fiorentina). Un tempo la piazza era ben più grande e fu scorciata quando venne allargata piazza del Duomo nell’Ottocento, tagliando una fetta di edifici attorno al fianco della cattedrale soprattutto su questo lato sud.

In questa piazza nel 1528 Leone Strozzi uccise a stilettate Giuliano Salviati, grande amico del duca Alessandro de’ Medici. Il Salviati aveva incontrata, fuori di Porta San Miniato, Luigia Strozzi, che tornava dal Perdono del Monte alle Croci e le aveva fatto proposte oscene. Leone, fratello di Luisa, si mise in cerca del Salviati e qui lo uccise accoltellandolo.

In piazza delle Pallottole esiste una “rotonda” dove gli scalpellini crearono le sculture per la decorazione esterna di Santa Maria del Fiore e degli altri edifici di Piazza Duomo: oggi tale attività (manutenzione e creazione di copie scultoree) si è spostata nella vicina bottega dell’Opera del Duomo.

Su un balcone della piazza si inerpicava uno straordinario esemplare di vite da tempo immemore. La pianta morì nel 2005 e dal 2010 è ricordata da una targa: il tronco è ancora visibile uscente da una rientranza della parete.

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.