[FIRENZE] L’ISTITUTO D’ARTE DI PORTA ROMANA

L’Istituto d’arte di Firenze, inaugurato nel 1869 come scuola di intaglio , fu convertito nel 1880 in una scuola di commercio per le arti decorative e divenne nel 1919 un istituto industriale e artistico. Dal 1924, l’Istituto è situato nei locali che ospitavano le scuderie reali del palazzo di Palazzo Pitti , molto vicino alla Porta Romana , nel mezzo di un parco che confina con il Giardino di Boboli. Le scuderie reali e i suoi dintorni si trovano vicino alle mura superstiti di Firenze. È stato a lungo al centro di polemiche per essere stato utilizzato impropriamente come un punto di accesso ai Giardini di Boboli o come parcheggio per le automobili. Un progetto è stato recentemente approvato per il miglioramento e la riqualificazione di questo spazio verde.

Oggi l’Istituto è chiamato la Scuola d’arte della Porta Romana e ospita la più interessante collezione di modelli in gesso in Italia, in particolare i modelli dell’arte del Rinascimento fiorentino.

Nel corso degli anni, qui sono stati raccolti 3000 calchi in gesso di importanti capolavori di scultura che risalgono al XIV-XX secolo.

I modelli più importanti sono quelli relativi alle opere di Donatello e quelli della collezione della Galleria dell’Accademia.

Nel 1869 fu fondata una nuova scuola professionale a Firenze: la Scuola preparatoria di arti applicate e altre sculture. Nell’ottobre 1878, hanno dato vita alla Scuola professionale di intaglio e altre arti, lo stesso, all’interno delle Scuderie di Porta Romana, è stato nel 1923 il Royal Institute of Art.

Il 1 ° novembre 1924, alla presenza del re Vittorio Emanuele III e della regina Elena di Savoia, fu inaugurata la nuova sede del Royal Institute of Art di Porta Romana.

La scuola è stata un valido strumento di formazione per l’aristocrazia e l’élite artigiana composta da insegnanti, direttori di scuole d’arte e artisti di fama. Ha anche servito come modello di insegnamento e il primo stadio nello sviluppo di molti artisti italiani del ventesimo secolo.

Molti artisti, decoratori, architetti e designer, compresi quelli della moda e dei costumi, che hanno studiato e insegnato nella vecchia scuola di arti decorative di Santa Croce, o, negli anni successivi, l’Istituto statale d’arte di Porta Romana, includono il designer Enrico Coveri , il regista Franco Zeffirelli, così come i costumisti Anna Anni e Gabriella Pescucci, vincitori dell’Oscar nel 1994 per il film The Age of Innocence .

L’Istituto ora contiene anche una ricca biblioteca composta da circa 15.000 volumi e corsi di formazione per design , grafica, moda, gioielli, mobili, ecc …

Immagini di Wikimedia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.