Numerosi sono gli aneddoti riguardanti la piazza, anche perché è stata il centro della vita cittadina da secoli. Dietro alla Fontana del Nettuno, sull’angolo di Palazzo Vecchio, è posta una lapide che a chiare lettere ricorda come gli Otto di Guardia e Balia (gli antesignani del corpo di polizia municipale, operativi dal Cinque al Settecento) proibivano a chiunque di sciacquare panni e fare altra sporcizia nella fontana, pena una multa pecuniaria o, per chi non potesse pagare, il temuto supplizio dei tratti di fune (la sollevazione del corpo da una corda legata alle mani incrociate dietro la schiena, che portava a danni permanenti a braccia e spalle).

Sull’altro angolo di Palazzo Vecchio, verso gli Uffizi, un profilo maschile detto l'”Importuno”, è appena sbozzato su una pietra del bugnato angolare, secondo la leggenda un’opera estemporanea di Michelangelo Buonarroti, eseguita addirittura di schiena.
Su un palazzo vicino ai caffè sul lato nord è presente una complicata meridiana ottocentesca, che indica il mezzo giorno esatto, inteso come l’istante in cui il Sole raggiunge la massima altezza, che a Firenze avviene una decina di minuti dopo le dodici (le tredici se è in corso l’ora legale).

Wikipedia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.