Firenze, restauro facciata Palazzo dell’Arte dei Beccai

firenze_palazzo_beccai_facciata

Il recupero della trecentesca facciata del Palazzo dell’Arte dei Beccai, ha avuto la presentazione della Commissione Cultura del Comune di Firenze Maria Federica Giuliani, intervenuta presso la Sala delle Adunanze dell’Accademia delle Arti del Disegno.

Il recupero degli intonaci e dei materiali lapidei è frutto della fattiva collaborazione di numerosi uffici, dall’Agenzia del Demanio Toscana e Umbria, che è proprietaria dell’immobile, alla Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per la città metropolitana di Firenze e le province di Pistoia e Prato, ecc. I lavori sono iniziati nei primi giorni di giugno 2016 e sono formalmente terminati il 6 settembre 2016.

Il Palazzo fu prima residenza della magistratura dei Capitani che sorvegliarono la costruzione della chiesa di Orsanmichele, in seguito venne adibito a sede dell’Arte dei Beccai (macellai) e quando poi, nel 1585, i macellai furono uniti ai fornai (Arte dei Fornai) ed ai venditori di olio (Arte degli Oliandoli), divenne sede dell’Arte di Por San Pietro. Dal 1789 ospitò la congregazione di carità intitolata a San Giovanni Battista che, divenuta poi Ente Comunale di Assistenza, vi rimase fino al 1960.

Il palazzo, acquistato prima dal Banco di Sicilia e poi, nel 1969, dal Demanio dello Stato, dopo un importante intervento di restauro attuato nei primi anni Settanta, nel 1974 venne concesso all’Accademia delle Arti del Disegno, la più antica accademia artistica al mondo fondata nel gennaio 1563 da Cosimo I de’ Medici su sollecitazione di Giorgio Vasari, Benvenuto Cellini, Alessandro Allori, Agnolo Bronzino e Bartolomeo Ammannati, il primo istituto pubblico ad essere creato con l’intento di promuovere la mutualità tra gli artisti e un approccio metodico e funzionale all’apprendimento dell’arte.

Oltre alla presidente della Commissione Cultura del Comune di Firenze Maria Federica Giuliani sono intervenuti Cristina Acidini, Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno, Lia Pescatori, Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per la città metropolitana di Firenze e le province di Pistoia e Prato, Monia Simonetti, Agenzia del Demanio Toscana e Umbria.

Fonte istituzionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.