Firenze – Torre dei Lanfredini

Firenze – Torre dei Lanfredini

La Torre dei Lanfredini si appoggiava a un palazzetto lungo via de’ Geppi. Questa stretta strada era un “chiasso” privato su cui si affacciavano le case della consorteria, collegate tra loro da cavalcavia, di solito in legno e mobili. Nello stesso isolato, verso l’Arno fino all’odierna piazza degli Scarlatti, si estendevano alcuni servizi comuni della consorteria, come il pozzo e gli “orti”, ai quali i Lanfredini accedevano originariamente tramite un’uscita ad arco al pian terreno, le cui tracce vennero riscoperte sulla parete nord.

La Torre dei Lanfredini si trova in via Santo Spirito, angolo con via de’ Geppi, in Oltrarno a Firenze. È detta anche Torre del Gallo, come l’omonima torre sempre dei Lanfredini in zona Arcetri.

Il paramento della facciata è in pietraforte, murata in bozze rettangolari ben squadrate, larghe e piatte, fino all’imposta dell’arco del primo piano, dove il materiale si fa più minuto e irregolare. Le buche pontaie senza mensola che si scorgono qua e là mostrano dove stavano inseriti i pali dei ponteggi durante l’edificazione e le strutture per i ballatoi lignei in seguito.

L’interno si articola su due piani rialzati, più un mezzanino e una cantina. Il mezzanino, rischiarato dalla finestra sulla facciata, di forma quadrata con strombo orientato verso il basso, era accessibile tramite una scala lignea ed aveva originariamente funzioni di magazzino per le merci da tenere a portata di mano per la vendita, mentre lo stoccaggio maggiore per ingombro e durata aveva sede nelle cantine e negli altri vani al pian terreno, tutti accessibili solo dall’interno della casa. Un foro nel pavimento del mezzanino permetteva un’ulteriore illuminazione del pianoterra.

Wikipedia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.