Il petrolio rincara e la benzina vola

petrolio_alle_stelleÈ il caso di dire: ci risiamo. Il petrolio rincara e la benzina vola. E così, anche questa volta con il greggio salito sopra i 61 dollari al barile, i distributori non hanno perso tempo e hanno subito ritoccato all’insù i loro listini. E così, la verde in molti impianti ha già sfiorato quota 1,3 euro al litro. Secondo le rilevazioni di Quotidiano energia, ad aumentare i listini sono stati Agip e Tamoil: 1,295 euro al litro. Le altre società, comunque non si sono perse d’animo : Api, Ip, Q8 e Total segnano infatti nei prezzi consigliati 1,294 euro al litro. Sembrano per ora, fermi i prezzi della Esso: 1,287 euro. Stesso dicasi per la Shell : 1,274 euro al litro. Il prezzo minimo attualmente praticato risulta infine quello della Erg, ferma a 1,269 euro al litro. Resta invece poco al di sotto di quota 1,1 euro il gasolio. Il listino più alto, anche se di pochi millesimi di euro, è in questo caso proprio quello della Erg, a 1,098 euro al litro. Il minimo è invece quello della Shell, a 1,089 euro. Secondo gli analisti del settore, la corsa al rialzo potrebbe continuare anche nei prossimi giorni.
Di Giampaolo Poniciappi

photo courtesy FianzaLive

Lascia un commento