Italia, Roma: Scandalo Affittopoli; c’è chi si giustifica

San_Giovannino_dei_Cavalieri_stemma_Cavalieri_di_Malta

Nello scandalo di affittopoli a quattro palanche d’euro è finito nel mirino anche un edificio di epoca medievale che sorge nel Foro di Augusto, ed è chiamato Casa dei Cavalieri di Rodi, e non di Malta, come ha chiarito un dirigente dell’ente che detiene in locazione quell’immobile.

Quant’è il canone locatorio di codesto stabile prestigioso? 15 euro al mese, dal 1946.

Il dirigente aggiunge che hanno spese di manutenzione ordinaria e straordinaria sui 30mila euro annui.

.^.

LE NOSTRE DOMANDE AI LETTORI

Se codesto ente paga 30mila euro all’anno di spese, potrebbe anche pagare un affitto locatorio molto più voluminoso ?

Il fatto che da quella sede parte il coordinamento italiano e internazionale dei soccorsi umanitari e viene coordinata la distribuzione di pasti ai senzatetto di Roma,  giustifica il basso affitto locatorio di quella sede ?

.^.

NOTA STORICA

Per quanto concerne il fatto che nel 1460, i cavalieri non erano ancora arrivati a Malta, siamo andati a fare delle verifiche ed invece risulta che, nel 1310, i Cavalieri si impadronirono di Rodi e, sotto la guida di un Gran Maestro, ne riorganizzarono la flotta e i commerci ed ebbero in dono da Clemente V parte dei beni del disciolto ordine dei Templari.

Il prequel di quella situazione era avvenuto quattro anni prima, cioé nel 1306, quando l’ammiraglio in carica, Vignolo de Vignoli, decise di vendere ai Cavalieri di San Giovanni di Gerusalemme la città di “Rodi”.

I “Cavalieri” facevano parte dell'”Ordine dell’Ospedale di San Giovanni di Gerusalemme”. Piu’ tardi divennero conosciuti semplicemente come “Cavalieri di San Giovanni” o “Cavalieri Ospitalieri” o “Cavalieri di Rodi” e, per finire, “Cavalieri di Malta”.

L’Ordine di San Giovanni fu fondato dal monaco Gerarde Tenque o Tunk (Gerardo Sasso), conosciuto anche come “il Beato”.

Fonte foto: Wikipedia

Shortlink:

CONDIVIDI NEI SOCIAL NET

Bookmark and Share
Posted by on 7 febbraio 2016. Filed under ARCHIVIO, CRONACA. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

You must be logged in to post a comment Login