La costa toscana in bicicletta

La costa della Toscana corre lungo la costa tirrenica per centinaia di chilometri e questo itinerario offre ai ciclisti un viaggio che ti permetterà di scoprire le più belle città della costa. È un bellissimo viaggio da percorrere sia in estate che in bassa stagione e valorizza la cultura, il cibo, i paesaggi e le belle strade . Partenza / arrivo : da Castiglione della Pescaia a Marina di Carrara con tipi di strade: colline, montagne.

Programma il tuo GPS : Castiglione della Pescaia, Piombino, Populonia, Campiglia Marittima, Suvereto, Castagneto Carducci, Donoratico, Bolgheri, Montescudaio, Riparbella, Pomaia, Castiglioncello, Ardenza, Livorno (Fortezza Vecchia), Marina di Pisa, Pisa (Piazza dei Miracoli) , Via Aurelia / SS1, Quiesa, Viareggio, Marina di Carrara.

Partiamo da Castiglione della Pescaia , con il suo famoso Castello Aragonese che domina il paesaggio e si affaccia sulla costa.

La città balneare è un punto di destinazione per le sue spiagge di sabbia fine e il vivace centro città. Una volta sulla strada, seguiamo le calette e ci dirigiamo verso Rocchette . Attraversando la distesa di ghiacci sulla SS3222, ci dirigiamo verso Follonica . Se ami il golf, svolta a sinistra per Punta Ala .

La nostra destinazione è Piombino e seguiamo le saline e la fattoria Torre del Sale . Oltre ad essere il punto di imbarco per i traghetti che collegano le isole dell’arcipelago toscano, c’è una bella sorpresa: visitare Piazza Bovio e il suo castello .

L’antica città etrusca di Populonia è il luogo perfetto per una sosta culturale: vale la pena visitare sia la Fortezza che la Necropoli. Vale anche la pena visitare il campo da golf di Baratti. Ci dirigiamo verso l’interno e visitiamo due favolose città: Campiglia Marittima e Suvereto .

Poi la strada ci fa sorridere con le sue curve tortuose; ci riconduce alla costa, a Donoratico , dove passiamo attraverso Castagneto Carducci il luogo di nascita di Giosue Carducci, il nostro poeta pastore. Un breve ritorno all’Aurelia ci permette di godere dello splendore dei cipressi, che ci introducono a Bolgheri e al suo castello. Proseguiamo, fermandoci a Montescudaio: in una giornata limpida dalla piazza antistante la Chiesa si possono vedere le isole di Capraia, Gorgona ed Elba .

Proseguiamo in direzione di Riparbella seguendo strade ludiche che ci portano a Castellina Marittima e Pomaia , l’ultima delle due famose per la festa del Baccello e un monastero tibetano. Una nuova discesa verso il mare ci porta a Castiglioncello , un punto d’incontro per i ciclisti in piazza nel fine settimana. Ora, è importante seguire il percorso lungo la vecchia Aurelia, evitando anche la superstrada.

La strada litoranea ci regala favolose viste che esultano nel porto di Livorno . Dopo aver superato Quercianella , cercare il bivio a destra che porta al Santuario di Montenero: questa deviazione panoramica segue la strada di una storica corsa in salita. Terrazza Mascagni, Fortezza Vecchia, il quartiere veneziano : quest’area merita più di un semplice colpo d’occhio.

Prendi nota: un evento da non perdere è l’Effetto Venezia. Da Livorno a Pisa: seguiamo il Parco Naturale di Migliarino e poi saliamo verso la Quiesa e ci godiamo alcune curve tortuose che ci portano a Viareggio : la città di Burlamacco, la maschera ufficiale del carnevale toscano . La tappa finale comprende un viaggio lungo il mare, con la sua vista sulla Versilia e il suo elegante Forte dei Marmi e intellettuale Pietrasanta. Il viaggio termina presso Marina di Carrara .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.