Mercafir e nuovo stadio. Qualcosa si muove?

nardella-sindaco-firenze

La notizia è di pochi giorni fa. Il sindaco di Firenze Nardella avrebbe incontrato i responsabili della Mercafir (il mercato ortofrutticolo di Novoli) e avrebbe prospettato loro, in via quasi definitiva, il trasloco nell’area di Castello. 160 ettari che con la costruzione della pista dell’aeroporto sarebbero edificabili solo per metà, causa vincoli e limiti aeroportuali. Nei terreni potrebbero trovare posto anche un parco e alcune strutture del Polo scientifico.

Si dovrà variare il Pue (piano urbanistico edilizio) dimezzando i volumi costruttivi. Unipol, proprietaria dell’area, difficilmente si opporrà al volere pubblico. E quindi la Mercafir avrà molto più spazio a disposizione e potrà ampliarsi e diventare un’importante polo agroalimentare. Naturalmente, dove c’è oggi il mercato a Novoli, si libererebbe il posto per l’ormai quasi leggendario nuovo stadio con annessa cittadella, un miraggio che ogni tanto riappare per poi scomparire di nuovo.

A raffreddare gli entusiasmi arrivano però i tempi previsti per l’operazione. Si prevede la nuova Mercafir, senza intoppi, pronta per fine 2019. Viste le vacanze di Natale e di fine anno, la posa della prima pietra dello stadio slitterebbe a inizio 2020 o giù di lì. Tempi di costruzione… nessuna certezza. Tre, quattro anni. Inoltre, qualcuno giudica Mercafir e lo stadio, nelle nuove location, troppo vicine all’aeroporto e quindi di difficile realizzazione.

Insomma, lode all’entusiasmo del sindaco che però, in questi anni, troppo spesso si è trasformato in delusione. Se sarà la volta buona, ce lo dirà il tempo. E ancora ne dovrà passare molto.

Lascia un commento