Il 14 maggio 1515 le monache di San Francesco de’ Macci a Firenze stipularono il contratto di allogazione con Andrea del Sarto per la pala d’altare della loro piccola chiesa, che avrebbe dovuto rappresentare una Madonna con Bambino incoronata da due angeli con ai lati san Giovanni evangelista e sanContinua a leggere ->

Il tabernacolo proviene dall’angolo tra via Calimala e piazza del Mercato Vecchio (attuale piazza della Repubblica), smantellata alla fine dell’Ottocento per far spazio ai nuovi palazzi della piazza “risanata”. Il suo nome derivava da quello di un vicolo detto “della Tromba”, ove risiedevano i “trombetti” del Comune. Era il più grandeContinua a leggere ->

Inizialmente fu conosciuta come Corporazione dei Baldrigai, ossia dei ritagliatori di panni, costituitasi agli inizi del Duecento ed i cui membri si riunivano in una bottega presa in affitto in Via Por Santa Maria; nel 1336, l’Arte decise di acquistare una casa dove stabilire una sede fissa per le riunioniContinua a leggere ->

L’orologio liturgico, dotato di un meccanismo nei vani interni della controfacciata, seguiva un movimento innanzitutto opposto agli orologi odierni, cioè antiorario, ed era diviso in spicchi che segnavano ventiquattro ore, segnate con numeri romani. Segue la cosiddetta hora italica, un giorno diviso in 24 “ore” di durata variabile a secondaContinua a leggere ->

Eike Schmidt, direttore delle Gallerie degli Uffizi, con la collaborazione di Anna Bisceglia (curatrice della pittura toscana del Seicento), Francesca de Luca (pittura del Cinquecento) e Maria Matilde Simari (pittura italiana ed europea del Seicento), ha voluto creare un percorso museale che offra un doppio binario di “lettura” delle opereContinua a leggere ->

Il virtuosistico intaglio ligneo di Grinling Gibbons, donato da Carlo II d’Inghilterra a Cosimo III de’ Medici e eseguito tra il 1680 e il 1682, Dopo un lungo e accurato restauro eseguito nei laboratori dell’Opificio delle Pietre Dure, rientrò a Palazzo Pitti l’anno scorso, il Marzo 2017. L’opera, sopravvissuta eccezionalmenteContinua a leggere ->

Il granduca Francesco I de’ Medici volle far costruire la Tribuna degli Uffizi quando, nel 1584, decise di trasferire il contenuto dello Studiolo di Palazzo Vecchio, realizzato tra il 1570 e il 1572, in questo nuovo ambiente: qui gli oggetti, collocati su più piani, avrebbero trovato una sistemazione più ordinataContinua a leggere ->

L’ultimo dipinto noto di proprietà privata del famoso artista rinascimentale Leonardo da Vinci è stato venduto all’asta per 450,3 milioni di dollari raggiungendo un record. Il Salvator Mundi di Vinci avrebbe attirato molto interesse per l’ asta di Christie’s New York, ma il prezzo di vendita finale è salito oltreContinua a leggere ->

Pagina 1 di 212