Il monastero di San Matteo risale all’XI secolo e venne ampliato nel XIII secolo. L’articolazione delle sale si sviluppa attorno al chiostro quadrato, modificato nel Cinquecento con la costruzione del portico. Situato nel convento medievale di San Matteo, si affaccia sull’Arno con un elegante prospetto in stile romanico pisano ed una facciata (dove si trova l’ingresso) classicheggiante. Possiede una serie completa di opere dei principali maestri pisani e più in generale toscani dal XII al XVII secolo, oltre a reperti archeologici e ceramici.

Il numero e la rilevanza delle opere qui custodite fanno del San Matteo, sito forse meno noto di quanto meriterebbe, uno dei musei più importanti d’Europa in tema di arte medioevale. Straordinaria in particolare è la collezione di opere pittoriche del territorio pisano del XII e XIII secolo. Il valore di queste opere porta sempre più gli studi storico-artistici a riconoscere che quella pisana sia stata la maggior scuola pittorica italiana sino alle soglie del XIII secolo.

L’origine del museo risale alle collezioni raccolte dal canonico Sebastiano Zucchetti, che la donò all’Opera del Duomo di Pisa nel 1796. In seguito altri lasciti, donazioni e acquisti arricchirono il nucleo originario nel corso dell’Ottocento e nel 1893 fu ordinato (come “Museo civico”) nell’ex-convento di San Francesco, per trovare la collocazione attuale nel 1949. Il riordino delle collezioni è tuttora in corso.

La descrizione delle sale è tratta dal progetto di ampliamento e risistemazione futuro, non ancora completato.

Wikipedia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.