Provincia di Treviso (Comune di Ormelle), La chiesa di Tempio: storia

La Chiesa dei Templari, lambita dal fiume Lia e isolata nel verde della campagna circostante, si trova a Tempio, nel mezzo della piana compresa tra Piave e Livenza, a 6 km da Oderzo (l’antica Opitergium).

Essa fu edificata probabilmente nel XII secolo dall’Ordine monastico-militare dei Cavalieri del Tempio, con successivi ampliamenti e nuove costruzioni tra il XIV e il XVIII secolo, allorché ai Templari subentrò l’Ordine dei Giovanniti, attualmente noto come Sovrano Ordine Militare di Malta.

Anticamente inserita in una ben delineata unità architettonica e amministrativa chiamata Masòn, concepita come luogo di sosta per i pellegrini diretti in Terra Santa, la Chiesa racchiude in sè il fascino equilibrato dell’architettura romanica, essenziale e semplice, a cui il tempo e la storia hanno da un lato sottratto, ma dall’altro concesso e aggiunto, in una successione di fasi più o meno felici, interventi edilizi e testimonianze pittoriche diverse.

La denominazione “Tempio” (Templo de Campanea) appare in documenti del 1178 e del 1304, mentre il topònimo “Masòn” (Mansionis Templi) nel 1184, ad indicare questo tipico insediamento religioso posto lungo la via terrestre dei pellegrinaggi verso Gerusalemme.

I Templari si insediarono in questo luogo dove si snodava uno degli antichi percorsi romani: la Via Opitergium-Tridentum (Oderzo-Trento), vicinissima alla Via Postumia che collegava Genova ad Aquileia.

FONTE

Lascia un commento