Rapporto Onu su operazione Piombo Fuso

Di Giampaolo Poniciappi

Nelle tre settimane dell’operazione militare nella Striscia di Gaza, tra dicembre e gennaio scorsi, i soldati israeliani uccisero oltre 1400 persone, in gran parte civili, un terzo donne e bambini. In alcuni casi furono colpite scuole gestite dall’Onu dove avevano trovato rifugio decine di famiglie e ospedali. Questi i dati, su cui hanno lavorato gli esperti incaricati dalle Nazioni Unite, di investigare sull’operazione militare ‘Piombo fuso’. E secondo indiscrezioni della stampa israeliana: è già pronto il rapporto interno dell’Onu che accusa Tel Aviv di avere attaccato intenzionalmente edifici dell’Unrwa (l’organismo delle Nazioni Unite per l’assistenza ai rifugiati palestinesi) nella Striscia di Gaza. Nello stesso rapporto si leggerebbe inoltre: l’intenzionalità delle forze armate israeliane di colpire gli edifici Onu e i civili palestinesi.

Lascia un commento