Sant’Eufemia Lamezia

 La città di Sant’Eufemia ha una storia antichissima, documentata dai tempi dei Normanni, che concessero grandi privilegi al baliaggio di Santa Eufemia, infatti secondo la tradizione la prima moglie di Ruggero d’Altavilla era Eremburga, sorella dell’abate di S. Eufemia. Ancora oggi è possibile visitare i ruderi dell’Abbazia di Santa Eufemia.
Il Baliaggio fu assegnato all’ordine cenobitico militare degli Ospedalieri Gerosolimitani, oggi noto come Sovrano Militare Ordine di Malta. L’ordine possedeva oltre al baliaggio di Sant’Eufemia, anche i feudi limitrofi di Nocera e Izzaria (oggi Gizzeria). Tutti e tre i centri conservano ancora oggi come patrono San Giovanni Battista, protettore dell’ordine dei Cavalieri di Malta. Ai Cavalieri di Malta si attribuisce la costruzione del Bastione di Malta. In seguito al disastroso terremoto del 1638, che aveva visto la città come suo epicentro, un nuovo centro, quello di Sant’Eufemia del Golfo (oggi Sent’Eufemia Vetere), venne fondato in una zona collinare poco distante. Il baliaggio durò fino agli inizi del XIX secolo, quando i terreni del feudo furono ceduti alle famiglie nobili e alla nuova borghesia territoriale che si andava formando. Con la fine del baliaggio il territorio di Santa Eufemia entrò a far parte del comune di Gizzeria, il quartiere odierno fu costruito invece durante il periodo fascista, in seguito alla bonifica dell’intera zona, divenendo comune autonomo nel 1935 per poi unirsi con Nicastro e Sambiase nel comune di Lamezia Terme nel 1968.

Fonte: Wikipedia

Shortlink:

CONDIVIDI NEI SOCIAL NET

Bookmark and Share
Posted by on 19 febbraio 2012. Filed under ARCHIVIO, CULTURA. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

You must be logged in to post a comment Login