Siena, Fontebranda

Fontebranda è menzionata fin dall’anno 1081 e ampliata da Bellamino nel 1193, poi ricostruita in mattoni e travertino da un tale Giovanni di Stefano nel 1246 nelle forme attuali. Fontebranda è una fontana di Siena, inserita nel Terzo di Camollia, nel territorio della Nobile Contrada dell’Oca e nella conca di Vallechiara, a poche decine di metri dall’omonima porta di Fontebranda.

Aperta sulle mura edificate nella metà del secolo XIII e all’interno del quartiere abitato sin dal primo Medioevo dagli artigiani dell’Arte della Lana, la cui organizzazione produttiva necessitava di un copioso approvvigionamento idrico.

Fontebranda è certamente la fonte più imponente e ricca d’acqua ma è senza dubbio la più famosa in quanto citata da Dante Alighieri nella Divina Commedia (Inferno XXX, vv. 76-78).

Nei pressi della fonte è nata e vissuta santa Caterina da Siena, che per questo è chiamata la santa di Fontebranda.

Fontebranba era originariamente formata da un susseguirsi di tre vasche di cui la prima era destinata a contenere l’acqua potabile e la seconda, oggi interrata alimentata tramite il trabocco dalla precedente era utilizzata per l’abbeveraggio degli animali e la terza era utilizzata come lavatoio.

Fonte: Wikipedia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.