Stefano Boeri Architetto: Un aiuto dalle Querce

Vorrei avanzare una proposta. I terroristi vogliono rinchiuderci nelle nostre case; sperando di costringerci a rinunciare a vivere i luoghi collettivi e gli spazi pubblici delle nostre città. Bene, io credo che alla loro follia disperata – oltre che con gli strumenti fondamentali della prevenzione e del controllo – dovremmo rispondere anche con un uso accurato della bellezza naturale e del suo valore simbolico.

Invece che snaturare gli spazi più vitali e aperti delle nostre città riempiendoli di barriere in calcestruzzo e dispositivi di sicurezza modulari in plastica (o semplici fioriere), dovremmo contrapporre all’istinto di morte di queste belve umane la calma presenza delle piante – e in particolare delle querce.

Il mio invito ai Sindaci e ai Prefetti delle città europee è di chiamare creativi, designer, architetti, uffici tecnici, studenti, artisti a progettare dei grandi vasi- all’occorrenza riposizionabili – ciascuno ospitante un albero.

Collocati agli ingressi di ogni piazza o spazio pubblico urbano, i vasi di diversa dimensione (quello standard potrebbe essere cilindrico, alto 1 metro e di diametro di 3 metri) saranno pieni della terra necessaria a ospitare le radici, il fusto e i rami di un grande albero, in modo da proteggere il passaggio dei pedoni e ridurre al minimo il rischio di omicidi di massa.
Con un piccolo investimento, distribuendo accuratamente le piante negli spazi più vitali e aperti delle nostre città, possiamo temporaneamente trasformare i nostri luoghi più cari in radure e boschi.

Ben sapendo che un albero – diversamente da un New Jersey- non solo ci protegge, ma ci fa ombra, assorbe con le foglie i veleni dell’aria urbana, ospita la vita degli insetti e degli uccelli. In una parola, accoglie e protegge quella vita che i terroristi vogliono annientare.

Nel 1982 a Kassel in Germania, in una città ricostruita senza verde e giardini dopo essere stata rasa al suolo dai bombardamenti della seconda guerra mondiale Joesph Beuys, uno dei più grandi artisti del secolo scorso, radunò settemila pietre di basalto all’ingresso della grande mostra di arte contemporanea Documenta e, ad una ad una, le vendette per comprare settemila querce che piantò, accanto alla loro pietra, nelle piazze, nei cortili, lungo i viali di Kassel.

Creando così una nuova città e realizzando grazie a migliaia di querce una metamorfosi tra il mondo minerale e il mondo della vita.

La sua lezione ci sia oggi di ispirazione per combattere con la vita chi sa solo predicare la morte.

Anche una sola quercia può fermare il terrore.

Architetto Stefano Boeri

Shortlink:

CONDIVIDI NEI SOCIAL NET

Bookmark and Share
Posted by on 24 agosto 2017. Filed under AMBIENTE, ARCHIVIO. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

You must be logged in to post a comment Login