Storia delle religioni

La storia delle religioni è la disciplina che indaga il tema delle religioni secondo il procedimento storico ovvero avvalendosi delle documentazioni storiche, archeologiche, filologiche ma anche di ambito etnologico, antropologico, ermeneutico ed esegetico. Tale documentazione viene usata dallo storico delle religioni nella consapevolezza che sta operando su contesti culturali e sociali assolutamente specifici o diacronici. La disciplina della Storia delle religioni è nata nell’ambito della cultura occidentale. Il primo autore che riportò usi e costumi religiosi di più popoli fu Erodoto (484 a.C.-425 a.C.) nella sua opera le Storie (Ἰστορἴαι Istoriai), autore motivato sia dal relativismo religioso sofistico sia da un profondo interesse nei confronti delle culture “barbare”[1].
Per avere una comparazione più moderna dei diversi credi religiosi occorre tuttavia aspettare l’Umanesimo di Marsilio Ficino (1433-1499) e di Giovanni Pico della Mirandola (1463-1494).
Marsilio Ficino nelle sue opere del 1474, Theologia platonica e Liber de christiana religione accostò alla figura di Gesù Cristo, personalità di altre fedi come Zarathustra, Mosè, Pitagora, Ermete Trismegisto e Proclo.
Pico della Mirandola pubblicò nel 1486 il De omni re scibili propugnando la tesi che tutte le religioni intendono nelle loro dottrine convergere verso il Cristianesimo.
Ma è nel 1548 con l’opera De deis gentium di Lilio Gregorio Giraldi (1479-1552) che appare la prima opera esegetica sui miti religiosi greci ed egizi.
Edward Herbert (1581-1648) fu il primo ad effettuare un’analisi comparata delle differenti religioni al di fuori di una prospettiva cristiana. Nel suo De religione gentilium (pubblicato postumo) rivaluta il paganesimo con i suoi riti e le sue dottrine all’interno di un monoteismo neoplatonico. Di fatto è il fondatore del monoteismo deista del tutto indipendente dalla lettura biblica che influenzerà poi le dottrine religiose illuministe.
Con il gesuita Atanasio Kircher (1602-1680) appassionato studioso della lingua e della cultura egizia, si affacciò l’ipotesi che la cultura classica neoplatonica fosse ispirata direttamente da Dio e che le religioni non cristiane abbiano avuto origine dalla stessa Bibbia.
Un altro importante gesuita, Joseph-François Lafitau (1681-1746) pubblicò, nel 1724, uno dei primi studi comparati sulle religioni, il Moeurs des sauvage américains, dove ritenne di rilevare delle affinità tra le credenze dei nativi americani con le dottrine e le pratiche religiose greche.

FONTE

Shortlink:

CONDIVIDI NEI SOCIAL NET

Bookmark and Share
Posted by on 9 aprile 2013. Filed under ARCHIVIO, CULTURA. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

You must be logged in to post a comment Login