L’artista e la bottega a Firenze nel Rinascimento Fiorentino

Il Quattrocento vide, con speciale continuità a Firenze, importanti progressi nello sviluppo della figura dell’”artista”, secondo un processo già iniziato nel secolo precedente. Gli artefici aspiravano a sganciarsi dalla figura del lavoratore manuale, che produce oggetti su commissione (“artigiano”), in favore di una concezione più intellettuale e creativa del loro operare, che aspirava a pieno LEGGI ARTICOLO

Il “Salvator Mundi” di Leonardo da Vinci supera i record del passato con una vendita di $ 450,3 milioni

L’ultimo dipinto noto di proprietà privata del famoso artista rinascimentale Leonardo da Vinci è stato venduto all’asta per 450,3 milioni di dollari raggiungendo un record. Il Salvator Mundi di Vinci avrebbe attirato molto interesse per l’ asta di Christie’s New York, ma il prezzo di vendita finale è salito oltre le aspettative, rendendolo il pezzo LEGGI ARTICOLO

Il Liutaio, un’arte immutata dal XVI secolo; quali prospettive di lavoro in Toscana?

Il Liutaio costruisce tutti gli strumenti a corda: viola, violino, violoncello, contrabbasso, ribeca, citola, viella, fibula. Può fare chitarre, liuti, mandolini, strumenti a pizzico. Il nome deriva dal liuto, strumento a pizzico molto usato fino all’epoca barocca. Nella prima metà del Cinquecento, famosa per le sue numerose botteghe fu la città di Brescia, che rifornì LEGGI ARTICOLO

Firenze tra passato e nebuloso futuro

Fine anno, tempo di consuntivi, bilanci, propositi. Che cosa si lascia dietro Firenze e che cosa appare all’orizzonte del 2017 ormai imminente? L’ultima notizia importante del 2016 è arrivata proprio in questi giorni: il 30 e 31 marzo la città sarà sede del G7 della cultura. Visto che il capoluogo toscano era stato designato come LEGGI ARTICOLO

Scopriamo Firenze, Santa Croce dei Carnesecchi

Santa Croce dei Carnesecchi era cosi chiamato il punto in cui si uniscono ad angolo le vie dei Cerretani e dei Panzani. In una nicchia sul muro di uno dei palazzi che formavano questo cantone stava dal 1440 circa fino a meta’ ottocento un piccolo tabernacolo dipinto da Domenico Veneziano : una Madonna con Bambino LEGGI ARTICOLO