La Turchia rischia di rimanere tagliata fuori dai prossimi accordi internazionali, avendo bruciato i rapporti con Unione Europea e Stati Uniti. L’adesione all’UE è in salita per le tensioni innescate con Olanda e Germania a seguito del divieto delle manifestazioni pro-referendum turco che Erdogan ha provato a organizzare in tuttaContinua a leggere ->

Il governo tenta di respingere i valori comuni a tutta l’Europa, quali il rispetto dello Stato di diritto, l’indipendenza della giustizia e la libertà di stampa, pertanto occorre “vigilare” su quanto sta accadendo e essere “fermi sulle linee rosse da non oltrepassare”, come l’introduzione della pena di morte. Si trattaContinua a leggere ->

È dell’altro giorno la notizia che il governo turco ha lanciato investigazioni che interessano potenzialmente 5 milioni di messaggi inviati su twitter durante le tre settimane di manifestazioni antigovernative. Il numero due del partito islamico Akp del premier Recep Tayyip Erdogan, Huseyin Celik, aveva già indicato che 105 siti e 262 account twitter sono sotto inchiesta. Non […]

The post Turchia: social media e mainstream agiscono insieme appeared first on EJO – European Journalism Observatory.

Continua a leggere ->

“Turkey is not Egypt. But seriously, you guys. It’s really not”. La Turchia non è l’Egitto, recita un tweet. Non è l’Egitto, ma è il più grande carcere per giornalisti al mondo, come viene definito il paese di Recep Tayyip Erdogan dall’associazione internazionale Repoters Without Borders. Questo spiega, in parte, per quale motivo mentre le […]

The post La Turchia non è l’Egitto ma è un carcere per giornalisti appeared first on EJO – European Journalism Observatory.

Continua a leggere ->

Pagina 1 di 11