Il promontorio era probabilmente già abitato dagli etruschi, la cui presenza nella Maremma circostante è ampiamente documentata da resti archeologici. La storia di Monte Argentario è tuttavia maggiormente conosciuta allorquando alla guida etrusca dell’Etruria si sostituisce quella romana e l’intera zona entrò a far parte della proprietà personale della famigliaContinua a leggere ->

Figlio secondogenito del granduca Ferdinando III di Toscana e di Luisa Maria Amalia di Borbone-Napoli, Leopoldo II Giovanni Giuseppe Francesco Ferdinando Carlo d’Asburgo-Lorena (Firenze, 3 ottobre 1797 – Roma, 28 gennaio 1870) è stato il penultimo granduca di Toscana e l’ultimo granduca regnante de facto. Leopoldo visse la sua primaContinua a leggere ->

Il complesso fortificato sorse in epoca medievale come possedimento della famiglia Ardengheschi che controllava anche altre località nella parte settentrionale della valle dell’Ombrone. Nel corso del Duecento il castello passò sotto i Senesi, entrando successivamente a far parte del territorio della Repubblica di Siena. A metà Cinquecento la struttura castellanaContinua a leggere ->

L’emanazione del cosiddetto Codice leopoldino si inserisce nel quadro dell’intensa opera di riforme messa in cantiere da Pietro Leopoldo (granduca di Toscana dal 1765 al 1790, poi imperatore d’Austria dal 1790 al 1792), il primo degli Asburgo-Lorena a risiedere stabilmente a Firenze. Pietro Leopoldo, seguace del giurista austriaco di origineContinua a leggere ->

Il castello di Cotone si presenta come un insediamento sotto forma di ruderi, delimitato dai resti di una cinta muraria dalla caratteristica forma insolitamente triangolare; le notevoli dimensioni dell’area sono simili a quelle dei principali borghi della provincia di Grosseto. In corrispondenza del lato orientale della cinta muraria triangolare, sonoContinua a leggere ->

La torre del Saraceno, nota anche come torre del Porto, costruita in epoca medievale, era originariamente un possedimento dell’abbazia delle Tre Fontane di Roma, per poi passare agli Aldobrandeschi con l’inizio del loro controllo dell’isola. Durante la dominazione pisana, la fortificazione andò probabilmente incontro ad un periodo di abbandono eContinua a leggere ->

Il Castellare del Giglio era una struttura difensiva costiera situata all’Isola del Giglio, presso la frazione di Giglio Porto, lungo la costa orientale dell’isola. La sua ubicazione era alla sommità dell’altura che si eleva dietro la Torre del Saraceno, chiudendo a sud la baia del porto.Continua a leggere ->