Proseguendo in direzione sud verso Castiglion Fibocchi, si incontra la Pieve di San Pietro a Gropina, romanica (XII sec.), uno degli edifici religiosi più antichi della diocesi aretina. La tradizione popolare attribuisce la fondazione alla duchessa di Toscana Matilde di Canossa. La pieve di San Pietro a Gropina è unContinua a leggere ->

Seguendo la via Cassia si approda sulla Strada provinciale 1 Setteponti, lasciando alle spalle Pontassieve si prosegue attraversando l’area reggellese poco distante dalla Foresta di Vallombrosa. Il territorio reggellese è stato abitato fin dall’antichità. Le prime testimonianze scritte risalgono al X e XI sec. Inizialmente chiamato Castelvecchio di Cascia, ReggelloContinua a leggere ->

Le prime testimonianze dell’abitato di Pontassieve risalgono al medioevo quando la repubblica fiorentina costruì il castello di Sant’Angelo sulla vie di collegamento con la Romagna e il Casentino. La costruzione del ponte mediceo sul fiume Sieve determinò successivamente il nuovo nome della località. Fu un importante centro agricolo, soprattutto vinicoloContinua a leggere ->

L’olivo potrebbe tranquillamente essere il simbolo di questa storica via che è in pratica l’antica Cassia Vetus, realizzata dai romani per collegare Arezzo con Fiesole. L’itinerario si svolge prevalentemente su strada asfaltata con il più orientale tra i percorsi transappenninici che si svolgevano nel contado fiorentino: Dicomano, San Godenzo l’AlpeContinua a leggere ->

Pagina 1 di 11