In questo luogo esisteva il monastero di Sant’Antonio di Vienne, costruito alla metà del Cinquecento, che apparteneva ai cosiddetti frati del fuoco. Questi frati avevano come simbolo un Tau, rappresentato nello stemma dell’ordine con cui erano contrassegnate le abitazioni ad esso appartenenti. Dopo la sua soppressione nel 1775, il cenobioContinua a leggere ->

L’Aretino è una delle zone toscane in cui sono stati ritrovati i maggiori reperti della civiltà etrusca. Questo itinerario propone un salto nel passato per conoscere le usanze di questo popolo ancora per certi aspetti misterioso. Due sono le valli del territorio aretino che conservano considerevoli testimonianze etrusche, la ValdichianaContinua a leggere ->

Nel 1370 dodici donne dette “le murate”, seguendo l’esempio di monna Apollonia si fecero recludere volontariamente in una casupola del secondo pilone del “Ponte Rubaconte” (ponte alle Grazie), pregando e vivendo di elemosine in condizioni di estremo disagio. Nel 1424 Giovanni de’ Benci, che viveva nelle vicinanze, finanziò la costruzioneContinua a leggere ->

La Certosa dista circa 10 km dalla città di Pisa e un tempo rientrava nel comune della città. L’aspetto attuale ha forme barocche ed è composta da un grande cortile interno subito dopo l’ingresso, dedicato alla vita comune e punto di incontro con il mondo esterno, mentre oltre gli edificiContinua a leggere ->