Giovanni Villani racconta nella “Nuova Cronica” di una cerchia iniziata nel 1078 e che il Repetti considera il secondo cerchio: ‘Come la città di Firenze crebbe lo cerchio, prima di fossi e steccati, poi di mura’. “Negli anni di Cristo MLXXVIII […] cominciarono i Fiorentini le nuove mura, cominciando dallaContinua a leggere ->

Il termine è di etimologia incerta, ma comunque da riferire al latino “martius”=di Marte. Un’altra delle spiegazioni avanzate è che marzocco sia la contrazione della parola Martocus, cioè piccolo Marte. la più celebre di queste raffigurazioni è senz’altro quella di Donatello. Più anticamente, come si può vedere nella banderuola diContinua a leggere ->

L’idiota (in russo: Идиот, Idiot) è un romanzo di Fëdor Dostoevskij. Considerato uno dei massimi capolavori della letteratura russa, vuole rappresentare “un uomo positivamente buono”, un Cristo del XIX secolo. La stesura fu contemporanea all’esilio dello scrittore, dovuto ai debiti: ebbe inizio a Ginevra nel settembre del 1867, proseguì aContinua a leggere ->

Le targhe fiorentine al tempo del Medioevo, più curiose che abbiamo selezionato, sono le seguenti: quelle che vietano i giochi d’azzardo o i giochi “strepitosi” (rumorosi), come le “pallottole” (antesignano delle bocce), la “pilotta”, la “ruzzola” o le “piastrelle” (in piazza del Giglio, in via dei Mori, nel vicolo deiContinua a leggere ->

La torre degli Ubriachi o degli Obriachi è un’antica torre di Firenze, situata nel quartiere Oltrarno all’inizio di via de’ Bardi, a pochissimi passi dal Ponte Vecchio. La torre è oggi attraversata dal Corridoio Vasariano, dopo un lungo arco ribassato che fa passare il corridoio su via de’ Bardi. AContinua a leggere ->

Pagina 1 di 11