Il nucleo più antico del palazzo, noto come “palazzo Marescotti”, apparteneva alla famiglia Marescotti, ghibellina, e risale al XII secolo. Progressivamente l’edificio andò ingrandendosi inglobando altri edifici adiacenti. Entro la prima metà del Trecento, all’apice della fortuna economica e sociale cittadina, l’edificio aveva raggiunto le dimensioni attuali. Tra il DueContinua a leggere ->

Nel 1787 fu nominato il primo gonfaloniere della Comunità civica di Siena, come da regolamento del 29 agosto 1786. Il gonfaloniere aveva incarico annuale e faceva parte dell’organo detto Magistrato comunitativo insieme a undici priori, a fianco del Consiglio generale. Tale ordinamento rimase in vigore fino all’Unità d’Italia, eccetto laContinua a leggere ->

L’interno del palazzo è oggetto di decorazione fin dal Trecento, quando non era ancora stata completata l’architettura, quando il Governo dei Nove si assicurò l’opera dei maggiori artisti del tempo per manifestare il proprio programma politico. Tale insieme di affreschi, opere di pittura e di scultura rappresenta così una delleContinua a leggere ->