Toscana, edilizia e agricoltura: preoccupante diffusione voucher pagamento lavoratori

L’Inps nel mese di Ottobre 2016, aveva diffuso cifre inquietanti sui cosiddetti voucher: dal 2008 ad oggi, infatti, sono stati venduti 347 milioni di buoni, di cui 115 milioni nel solo 2015 e ben 70 milioni solo nei primi sei mesi del 2016. Lo scorso anno con questo sistema sono state retribuite 1 milione e 380 mila persone con un aumento di 800 mila unità. La massa dei precari pagati con i voucher è più che raddoppiata. Il reddito medio dichiarato è di 500 euro all’anno.

I dati presentati dalla Cgil regionale il 22 Novembre 2016 dichiarano che i voucher lavoro in Toscana, a fine anno, supereranno quota dieci milioni. Quindi nei primi otto mesi del 2016 sono stati venduti 7,1 milioni di voucher, con un aumento del 42,4% sul 2015, anno in cui si era registrata una crescita del 85,5% sul 2014.

Leggendo i dati si capisce che, nei primi otto mesi del 2016, le assunzioni sono diminuite complessivamente del 7% con un particolare decremento dei contratti a tempo indeterminato (-31,3% su anno).

Cosa vuol dire in pratica ? Semplicemente che c’è un peggioramento della qualità del lavoro, confermato dall’aumento spropositato di voucher.

Il sindacato sui dati conferma inoltre, per il 2016, la tendenza di una crescita è al di sotto delle aspettative, ed evidenzia un impercettibile movimento positivo del PIL toscano in termini reali (+0,3%) con una revisione al ribasso di 5 decimi di punto nei confronti delle precedenti stime aggiornate ad aprile.

Ricordiamo che i buoni (Voucher) furono introdotti in Italia nel 2003 sul modello degli ‘small jobs’ (lavoretti di studenti e pensionati). Poi, con i ministri Sacconi, Fornero e con il jobs act, codesti voucher sono stati estesi a tutti i tipi di attività non regolate dai contratti, compreso quello agricolo.

Sabrina Laurenti

Shortlink:

CONDIVIDI NEI SOCIAL NET

Bookmark and Share
Posted by on 7 dicembre 2016. Filed under ARCHIVIO, ECONOMIA. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

You must be logged in to post a comment Login