Toscana – Firenze- Coverciano, Violazione di corrispondenza privata

Tempo addietro avevamo avuto una situazione avvenuta presso una riunione condominiale, ove un condomino informò i rispettivi interessati sul contenuto di una mail, spedita da altro condomino che, per errore arrivò anche al diretto interessato.

Questa volta la situazione è differente. La violazione di corrispondenza privata è, invece, da parte di uno o forse più condomini, facenti parte di un numero civico ben preciso.

L’oggetto della situazione è la sostituzione dell’amministratore, ove un condomino X ha inserito in ogni cassetta privata, dei rispettivi condomini, alcuni documenti con una proposta di un professionista.

Un condomino ha ritenuto chiedere a tale professionista una serie di domande a chiarimento del preventivo ricevuto. Tale documento è stato inviato anche ad una mailing list di condomini, in copia nascosta, con scritto ‘non divulgabile a terzi – confidenziale riservata’.

Un condomino, autore della riunione per la proposta sulla sostituzione dell’amministratore è venuto a sapere, da uno o più condomini riceventi la corrispondenza privata, sulla richiesta di tali domande a tal professionista.

Tale persona, in modo arrogante e supponente, ha telefonato al numero di cellulare, di domenica, alle ore 12.45, al mittente di tale missiva.

L’autore della telefonata non ha alcun numero telefonico, ma lo ha il marito, questo però non giustifica il consorte ad utilizzare il numero di telefono. Il marito era già informato di non fornire il numero di telefono alla sua consorte, per alcuna ragione. Pertanto siamo in ambito di violazione della privacy.

Per quanto concerne poi colui o coloro che hanno divulgato la missiva riservata, destinata ad ognuno di loro, rientra nel violazione del diritto d’autore ed è anch’esso perseguibile.

Ovviamente, a parte l’idiozia infantile di chi riferisce i contenuti a terzi quando è scritto che non va fatto, è evidente l’impossibilità di un dialogo civile, costruttivo ed educato con persone di questo tipo.

Lascia un commento