Toscana, il Pil in ripresa nel 2016, secondo dati Irpet

Il rapporto dell’Irpet dichiara che il Pil toscano, nel 2016, è aumentato più di quello italiano, ma è una crescita debole. Dall’analisi leggiamo che l’export è cresciuto dello 0,5%, con un aumento del commercio interno verso le altre regioni (+0,2%), anche l’occupazione sale (dove?, In quali settori?): nei primi nove mesi del 2016 gli occupati sono aumentati di 7.400 unità (+0,5%), di cui 7mila sono posti autonomi.

I giovani però sono in difficoltà: i 15-29enni sono il 21% della popolazione in età lavorativa e costituiscono l’11% degli occupati. Poi abbiamo i Neet, giovani che non studiano e non lavorano, in 94mila, cioè il 18,8% del totale in quella fascia di età.

La povertà assoluta è cresciuta – su base familiare – dal 2% (2008) al 3,2% (2015): oggi in Toscana ci sono 53mila famiglie e 120mila individui poveri, buona parte dei quali sono giovani.

La ripresa del lavoro prevista è debole. Gli sgravi contributivi che erano stati concessi nel 2015 e nel 2016 nel 2017 perderanno il loro effetto.

In sintesi la notizia non possiamo dire è positiva poiché se il Pil cresce bisogna vedere dove, come, con chi, diversamente abbiamo disequilibri consueti ove gli investimenti economici sono spalmati random, con privilegi specifici a determinate imprese piuttosto che altre. Indi per cui l’economia sarà anche tornata a crescere, ma non è per tutti nella regione Toscana: pertanto è un fallimento per chi, politicamente, governa questa regione.

Ad esempio gli investimenti nel corso della crisi sono crollati con conseguente ridimensionamento della capacità produttive del sistema.

Intanto l’Unione Europea invia i suo soldi a sostegno delle sistema economico, ma spesso questi fondi diventano finanziamenti e non dei veri e propri contributi. Di qui l’esigenza di cambiare la metodologia dei programmi di investimenti pubblici che, in questi anni a livello nazionale, hanno avuto un bel picco di entrate scivolando in rigoli su progetti anche farlocchi e di poca utilità socio-economica.

Ci vuole un serio rilancio degli investimenti pubblici per consentire lo stimolo immediato delle imprese che valuterebbero anche assunzioni, ma sino a quando i soldi arriveranno nelle tasche dei soliti, sarà utopico pensare ad una regione toscana ove meritocrazia ed egualitarismo saranno d’esempio per altre regioni.

Cesare Dellavia Castaldini

Shortlink:

CONDIVIDI NEI SOCIAL NET

Bookmark and Share
Posted by on 20 febbraio 2017. Filed under ARCHIVIO, ECONOMIA. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

You must be logged in to post a comment Login