Toscana, recupero della fauna selvatica in difficoltà

cuccioli_capriolo_toscanamagazine

Nel 1992, la Legge n. 157, comunemente nota come “legge sulla caccia”, ha delegato alle Regioni ed alle Province autonome la regolamentazione delle attività di soccorso della fauna selvatica. Nel testo di legge non viene fatta alcuna menzione relativamente ai centri di recupero già esistenti, né viene impiegato tale termine. A partire quindi dal 1992, le Regioni e le Province autonome hanno provveduto, ognuna con modalità proprie, a legiferare in materia di recupero della fauna selvatica.

Ne è scaturito un quadro nazionale eterogeneo, in cui gli effetti di leggi molto diverse tra loro si assommano alle preesistenti differenze di conduzione dei centri tra associazioni gerenti e tra singoli operatori.

A tutt’oggi non esistono né una definizione univoca di “centro di recupero”, né una legislazione nazionale di riferimento, nonostante si tratti di strutture ampiamente diffuse sul territorio italiano, con un ruolo significativo nella tutela della fauna selvatica e capaci di forte impatto sull’opinione pubblica.

Fonte: recupero animali selvatici (documento in PDF)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.