[Trekking in Pisa] Eremo della Spelonca da San Giuliano Terme

L’Eremo della Spelonca si raggiunge poco dopo lo spazio aperto che segna il crocevia tra vari sentieri con vista su Santa Maria del Giudice. L’Eremo risale al periodo medievale con ultimo restauro della chiesa agli inizi dell’800. L’ambiente consta della piccola chiesa (con tracce di affreschi in parte ancora ben visibili sul soffitto interno) di una vasca esterna circolare scavata direttamente nel granito, dei resti di una scalinata (che, presumibilmente, portava ad ambienti interni ad uso dei monaci). Di particolare interesse è la Spelonca posta a sinistra della chietina.

Si raggiunge scendendo alcuni scalini e consta di una grotta principale con muro a secco sul fronte, elemento che lascia supporre che sia stata destinata a qualche utilizzo pratico da parte degli antichi abitanti dell’Eremo. Dall’ambiente principale è possibile accedere, con precauzione, ad un secondo ambiente più ristretto ma di particolare suggestione per la presenza di minuscole stalattiti e stalagmiti. È ben visibile il continuo gocciolamento che denota che si tratta di una “grotta viva”. Il particolare che la grotta sia, di fatto, comunicante con l’esterno limita ovviamente il fenomeno.

L’Itinerario trekking parte dal parcheggio in fondo a Via Niccolini, passa davanti alla Cava Anfiteatro e s’immette sul sentiero 115 che, in breve, raggiunge il Ristorante Il Foro. Da qui, sempre per il sentiero 115, si giunge al Passo di Dante dove si prende il sentiero 00 che, dopo un breve tratto iniziale di salita per scalini in legno piuttosto difficoltosi, percorre un’ampia gariga con esteso panorama sulla piana di Pisa. Sono presenti interessanti essenze della macchia mediterranea, varietà floreali proprie della gariga, orchidee selvatiche, che adornano un ambiente roccioso calcareo.

Fonte testo

Fonte foto

Note storiche
L’ eremo della Spelonca, situato in territorio lucchese appena al di là del confine con Pisa, nei pressi del passo Croce tra Il Monte S. Giuliano e Il Monte Cupola. Di questo eremo si sa che è stato fondato nel 1190 dagli Eremiti Neri. A differenza di Rupecava, all’Eremo della Spelonca non sono rimaste molte costruzioni rilevanti, fatta eccezione per la piccola chiesa, di epoca più tarda però, rispetto alla fondazione. Situata dietro la chiesetta alla base di una rupe calcarea si trova la grotta, meglio definita come “riparo sotto la roccia”. Su alcune pareti rimangono tracce di probabili strutture lignee. (Fonte)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.