Vuoi diventare un Cavaliere ? Templare od Ospitaliero ?

Quando mi hanno contattata pensavo ad uno scherzo, ed invece era un Cavaliere di uno Ordine residente in Toscana, delegazione di uno che sta in una altra città. Ma andiamo per gradi. Il Cavaliere mi comunica che altri colleghi hanno accettato questa opportunità, quindi ne dovrei essere “onorata”. In effetti sono contenta di questa gentile cortesia, quindi attendo fiduciosa le modalità di inserimento. Ebbene, trascorso qualche mese, puntuale arriva la disponibilità nel partecipare ad un evento, a “Porte chiuse”, in una chiesa XX. Dopo qualche giorno arriva un’altra telefonata, si tratta del “contributo” spese per la partecipazione: 700 Euro. Poi mi viene chiesta la quota di adesione annua: 350 Euro. Ed uno altro contributo “Una Tantum” a vita di 1200 Euro. Ma non è finita. Infatti mancano all’appello mantello ed accessori: 2000 Euro.

A questo punto mi rivolgo ad un collega, Cavaliere, e gli chiedo:”Ma è uno Ordine o una Associazione”. E Lui, gentilmente mi spiega che sono contributi destinate alle spese, ma anche opere ai poveri. Quello che mi chiedo è quando mai nella storia della Chiesa è esistito un Ordine monacale “a tesseramento” ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.