Farmaci contraffatti: 10,2 mld di danni ogni anno

Una nuova relazione dell’Ufficio dell’Unione Europea per la Proprietà Intellettuale (Euipo) evidenzia che il 4,4 % delle vendite legittime di prodotti farmaceutici va perso ogni anno nell’UE a causa della contraffazione. I medicinali contraffatti costano al settore farmaceutico dell’Unione europea 10,2 miliardi di euro ogni anno. Le mancate vendite si traducono in una perdita diretta di 37.700 posti di lavoro nel settore farmaceutico dell’UE: i legittimi produttori e distributori di farmaci impiegano infatti meno personale di quanto farebbero se non esistesse la contraffazione.

Prendendo in considerazione anche gli effetti a catena che i farmaci contraffatti hanno su altri settori, al bilancio negativo si aggiungono ulteriori 53.200 posti di lavoro persi in altri comparti dell’economia dell’Ue. In termini di entrate pubbliche, nell’UE-28 la perdita annuale complessiva dovuta ai farmaci contraffatti è stimata in 1,7 miliardi di euro tra imposte sul reddito delle famiglie, contributi previdenziali e prelievo fiscale sulle imprese.

In Italia secondo le stime contenute nella relazione, le mancate vendite del settore farmaceutico italiano causano ogni anno perdite fino a 1,59 miliardi di euro, pari al 5 % delle vendite dell’industria italiana dei medicinali, cui si aggiunge la perdita di 3 945 posti di lavoro diretti. In Germania la relazione stima in oltre 1 miliardo di euro, pari al 2,9 % delle vendite del settore farmaceutico tedesco, le perdite annue causate dalla contraffazione, cui si aggiunge la perdita di 6 951 posti di lavoro diretti. In Francia la relazione stima in oltre 1 miliardo di euro, pari al 3% delle vendite del settore farmaceutico francese, le perdite annue causate dalla contraffazione, cui si aggiunge la perdita di 3 667 posti di lavoro diretti.

In Spagna le mancate vendite del settore farmaceutico spagnolo causano ogni anno perdite fino a 1,17 miliardi di euro, pari al 5,9 % delle vendite dell’industria spagnola dei medicinali, cui si aggiunge la perdita di 3 223 posti di lavoro. Nel Regno Unito la relazione stima che 605 milioni di EUR, pari al 3,3 % delle vendite del settore farmaceutico britannico, siano persi ogni anno a causa dalla contraffazione, cui si aggiunge la perdita di 2 940 posti di lavoro diretti.

ADUC