Il filetto-Vegan è arrivato sulle nostre tavole: dalla teoria alla realtà

Dopo Regno Unito e Paesi Bassi, è il nostro turno. E’ arrivato ufficialmente in Italia, in anteprima a Bologna, il filetto-vegano. Un ammasso di proteine vegetali a “forma” di filetto di manzo, ottenuto dalla lavorazione di soia, frumento, patate, olio di semi di girasole, cocco, sostanze addensanti, aromi e coloranti naturali, sale marino, amido di frumento, funghi disidratati e vitamina B12 (presente esclusivamente negli alimenti di origine animale, comporta una carenza per coloro che seguono un’alimentazione vegana, viene aggiunta a gli alimenti vegani).

Anche se l’aspetto può essere simile a quello del filetto vaccino, sicuramente la lista degli ingredienti di quello vegano è a dir poco il doppio del “parente” animale.

Non rimane che assaggiarlo per vedere se anche il sapore si avvicina a quello “vecchio stampo”.

Dott.ssa Carolina Margheri – Biologa Nutrizionista e Farmacista
carolina_margheri_nutrizionista@nutrizionesalute.info

Fonti:

Note di redazione
Una porzione contiene 925 kJ/ 222 kcal di cui 12,7 g di grassi (5,0 g saturi), carboidrati 7,8 g, zuccheri 1,9 g, fibre 3,6 g, proteine 17,3 g, sale 1,40 g, ferro 2,1 mg, 15% Vitamine B12 0,38 μg.