[Mugello] Lupi a Valdastra. Sbranati due vitelli, lo sfogo dell’allevatore

Tra Borgo e San Piero. Lo diciamo, anzi lo scriviamo con tutta sincerità: quando stamane martedi 30 maggio 2017, verso le ore 10, ci siamo trovati davanti la carcassa di un bel vitello di quasi 120 kg. completamente dilaniato dai lupi, siamo rimasti allibiti ed impressionati da tale scempio. Ecco perché Adriano Borgioli proprietario della grande tenuta zootecnica di Valdastra non era amareggiato, ma avvilito, annichilito, distrutto, lui che di questa azienda ne aveva fatto una ragione di vita, di lavoro, di passione atavica. L’attacco al bestiame al pascolo è avvenuto presumibilmente verso le prime ore del mattino di ieri lunedi 29 maggio, poiché un dipendente dell’azienda raggiunto il pratone di Monte Buffoni sotto i contrafforti del Montesenario, per controllare il bestiame, si è accorto che mancavano due vitelli, quindi cercando nel luogo, ha trovato in un anfratto aperto fra l’erba alta quel che restava del vitello più grande, mentre l’altro di stazza più piccola, circa 80 Kg. si sono perse le tracce.

E’ chiaro, che le bestie sono state attaccate da un branco di lupi, forse quattro/cinque, perché dal luogo dell’attacco (la povera bestia molto probabilmente come accade in questi frangenti presa dal terrore a defecato violentemente), i lupi lo hanno portato trenta metri più sotto e una volta sbranato si sono portati via una gamba, molto probabilmente per la loro eventuale cucciolata, mentre lo ripetiamo, il vitello più piccolo non è stato ancora ritrovato; forse una volta ucciso anch’esso, e portato via dal branco.

Borgioli, e non lo nascondiamo, aveva quasi le lacrime agli occhi nel constatare quel che è accaduto (due anni orsono una mucca chianina attaccata da un lupo di sfracellò in un dirupo, mentre una settimana fa è stato trovato sbranato un grosso capriolo), perchè ci diceva che con la presenza dei cinghiali (moltissimi) e dei lupi (altrettanto numerosi), le cose in senso lavoro cambiano, la conduzione degli allevamenti sono in pericolo, ci vogliono altri accorgimenti, anche dispendiosi per salvaguardare i territori per i pascoli, insomma una decisione deve esser presa con tutte le norme vigenti, prima che la paura e il terrore possa mandare in crisi i pascoli e la zootecnica in generale.

Si ringrazia per l’articolo di cronaca e la foto OK Mugello .