Nel 1559 Cosimo I de’ Medici bandì un concorso per creare la prima fontana pubblica di Firenze

Nel 1559 Cosimo I de’ Medici bandì un concorso per creare la prima fontana pubblica di Firenze, al quale parteciparono i più importanti scultori fiorentini dell’epoca: Benvenuto Cellini, Baccio Bandinelli, Vincenzo Danti, Bartolomeo Ammannati e il Giambologna. Venne scelto il Nettuno dell’Ammannati perché giudicato più significativo nell’esaltare i gloriosi traguardi marinari raggiunti in quei decenni dal Granducato di Toscana, con la presa di Pisa, la progettazione di Livorno e la fondazione dell’Ordine di Santo Stefano deputato a combattere i turchi nel Mediterraneo per la sicurezza dei traffici di persone e merci. La figura di Nettuno, realizzata in candido marmo di Carrara e che riprende i tratti di Cosimo I de’ Medici, era un’allusione al dominio marittimo di Firenze; essa si erge su un piedistallo decorato con le statue di Scilla e Cariddi al centro della vasca ottagonale.
Benché la statua non fosse particolarmente apprezzata (si racconta come i fiorentini accorsi all’inaugurazione notturna della statua allo scoprire dell’opera notassero più il candore della statua che la sua bellezza, da cui il nome di “Biancone” e coniarono il motto “Ammannato, Ammannato, che bel marmo hai rovinato!”) i lavori proseguirono nei dieci anni successivi, con l’aiuto dei migliori scultori della città per il bordo della vasca. Ai piedi del Nettuno stanno tre tritoni intenti a suonare delle tibie che zampillano acqua.