Pistoia, Immigrati in ex Questura: Casapound si oppone al progetto

bandiera-casapound

Il portavoce Lorenzo Berti comunica in una nota: “Se lo scellerato progetto di riempire la ex questura con 300 immigrati fosse davvero confermato saremo pronti ad opporci a questo scempio con ogni mezzo disponibile, anche fisicamente come già fatto a Casale San Nicola o dai residenti di Goro e Quinto d Treviso”.

“I proprietari dell’immobile e le cooperative stanno già facendo i conti di quanto andrebbero a guadagnare, si parla di 3 milioni e mezzo di euro all’anno, dimostrando ancora una volta come quello dell’immigrazione non sia altro che uno squallido business portato avanti da privati senza scrupoli le cui conseguenze vanno tutte a gravare sulle spalle dei residenti – prosegue Berti -.

Dopo quanto successo di recente a Sammomè, con un richiedente asilo arrestato per omicidio, e visti i problemi di criminalità e degrado che affliggono tutte le città che ospitano simili centri, riteniamo folle anche solo ipotizzare una soluzione del genere.

Tanto più se fossero veri i presunti problemi strutturali lamentati continuamente dalla polizia di Stato, con lo scopo di ottenere il trasferimento della questura, si porrebbe anche un grave problema di sicurezza che non potrebbe essere ignorato”.

“Speriamo vivamente si tratti solo di un falso allarme e che alla fine il buon senso prevalga – conclude Berti -.

Fonte