Russia, Lavoro: Riduzione drastica immigrati stranieri

vladimir_putinIl presidente Vladimir Putin, per combattere la disoccupazione, ha deciso di ridurre drasticamente la mano d’opera straniera nel 2010: il 30% in meno sul 2009 e un tetto massimo di 1,3 milioni d’immigrati. Già quest’anno la quota di lavoratori stranieri era stata pressoché dimezzata rispetto al 2008. Se l’obiettivo è di favorire l’occupazione dei connazionali, la sua realizzazione non è facile, considerato che i lavoratori del Caucaso e dell’Asia centrale svolgono mansioni per lo più snobbate dai russi. Putin ha anche ammesso che il controllo non è facile poiché i cittadini della Comunità degli Stati Indipendenti (CSI) possono entrare in Russia anche senza visto.

ADUC – FI

Nota di redazione: Profilo personaggio Vladimir Putin