White Helmets, Salvare i civili siriani

White-Helmets-Syria-British-Intelligence

I White Helmets, caschi bianchi, sono 2.890 volontari, tutti siriani, presenti in 119 centri distribuiti in otto aree governative della Siria. Dicono di essere un’organizzazione umanitaria, lontana dalle questioni militari e politiche.

L’addestramento è USAR (Urban Search And Rescue), TOT (Training of Trainers) così da poter creare dei centri d’addestramento in Siriaè per la Ricerca e Soccorso (SAR), per spegnere gli incendi e per le emergenze mediche.

Dichiarano di aver salvato più di 56.000 persone. Dal 2015 ad oggi sono stati uccisi circa 130 White Helmets e di questi, 40 sono morti durante un attacco doppio.

Sono presenti in otto aree governative: Aleppo, Idlib, Hama, Latarkia, Damasco, la campagna attorno a Damasco, Homs e Dar’a.

Il supporto economico arriva da “vari governi” (Stati Uniti mediante l’agenzia USAID, il governo britannico, i Paesi Bassi, la Germania, il Giappone.) con le ONG che forniscono l’addestramento, l’attrezzatura, ed i veicoli.

Fonte